Teatro in musica…e ronzio
380
post-template-default,single,single-post,postid-380,single-format-standard,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

Teatro in musica…e ronzio

Lockdown…tutto chiuso.
Tutto è collegato. Tanto per citare l’agente investigativo olistico Dirk Gently (ma anche questa è un’altra storia)… e allora ecco che tutti i teatri italiani vengono chiusi fino a… “che gli attori non recitino fino a quando il numero dei morti per la peste a Londra non sia inferiore a 50 alla settimana“.
Inizia così Venere e Adone, lo spettacolo di Riccardo Magherini tratto dall’omonima opera poetica di W. Shakespeare nella favolosa traduzione di Roberto Sanesi.
Sembra cucito a pennello per il periodo che stiamo (soprav)vivendo. Così, abbiamo iniziato anche noi con la parziale riapertura e l’opportunità di proporre lo spettacolo all’aperto in un contesto, seppur leggermente ostico per via di alcune (centinaia di migliaia) zanzare milanesi che non hanno perso l’occasione di pasteggiare con sangue grasso e fresco di quarantena forzata.
Pacta dei Teatri – Salone Via Dini lo ha proposto, il pubblico ha risposto. Bene, molto bene.
Il musico di arancio vestito nella foto sono io, l’altro in giallo è Nicola Lanni con cui, disquisendo nei nostri fantastici viaggi che ci portano a destinazione e ci riportano a casa a notte inoltrata, condivido palchi di concerti e spettacoli da 25 anni. Sono proprio i viaggi ad aver consolidato una amicizia ed una conoscenza che probabilmente il “solo” palco non avrebbe mai potuto fare.
Che dire poi di Riccardo Magherini che circa 20 anni fa incrociammo nel nostro cammino? Talmente incosciente da voler coltivare una collaborazione cominciata da Casi (D.Charms), passando per Pulp (C. Bukowski) e Le Fate Lascive (R. D’Onghia), per culminare, appunto, con V&A: un gioiellino ideato e costruito diverso tempo fa con le musiche di Nicola e del sottoscritto (e il prezioso apporto di Luca Russo)…il ronzio è delle zanzare.
Questo è “Venere e Adone”, non solo uno spettacolo di Teatro (la T maiuscola è voluta!!) ma la storia di 3 persone che alla fine si ritrovano su un palco a proporre loro stessi con intensità e soprattutto, di questi tempi non è da tutti, con sincerità e passione. Con il piacere di condividere, non con un click, ma con lo sguardo, con il sudore, con la musica e con le parole, con gli applausi finali e i ringraziamenti, quello che noi siamo.
Se poi vorrete condividere con noi anche le zanzare saremo ben lieti di offrirvene qualche mastello, ma non vi preoccupate abbiamo anche investito in azioni di Zampirore e Autan vari…

Se volete leggere di più:
https://pacta.org/stagione-corrente/venere-adone-shakespeare-e-musica-1/
https://www.paneacquaculture.net/2020/06/25/pacta-dei-teatri-venere-e-adone-a-tempo-di-blues-africano/

No Comments

Post A Comment